Quali sono le novità dell’ADR 2019?

Novità importanti obbligatorie dal 1° Luglio: esenzioni, consulente alla sicurezza, i segnali di pericolo, le definizioni, gli imballaggi, nuovi numeri ONU.
nuova normativa adr 2019 - novità classe 9
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Tempo di lettura: 8 minuti

Con l’ADR 2019 relativo al trasporto di merci pericolose sono state introdotte diverse novità. Analizziamole insieme.

Le esenzioni

La prima novità dell’ADR 2019 riguarda le esenzioni. Queste sono di tre tipi: esenzione parziale per quantità, esenzione per merci imballate in quantità limitate e esenzione totale per merci pericolose imballate in quantità esenti. Per i numeri ONU 0081, 0084, 0241, 0331, 0332, 0482, 1005 e 1017, la quantità max totale per unità di trasporto è 50 kg.

Esenzione parziale per quantità

Questa esenzione viene applicata al trasporto di  materie pericolose in quantità non superiori ai limiti previsti per le varie classi (capitolo 1.1.3.6 dell’ADR).

Nel caso di trasporto misto, per i trasporti di merci pericolose in esenzione parziale, non basta che ogni merce sia sotto il suo limite quantitativo ma è necessario effettuare un’operazione da riportare nel documento di trasporto. Infatti l’unico obbligo per il trasportatore consiste proprio nell’emissione di tale documento il quale deve essere minuziosamente compilato in ogni sua parte e verificato dal destinatario al momento dell’arrivo della merce. Viene eseguita una sommatoria delle quantità relative, moltiplicata per il coefficiente di rischio stabilito per ognuna di esse e solo se tale somma è inferiore al valore parametrico di 1.000, l’esenzione parziale è ammessa.

Per quanto riguarda il veicolo adibito al trasporto deve essere dotato di un estintore portatile di una capacità minima di 2 kg in polvere e, obbligo non meno importante, disposto in posizione facilmente accessibile ed al riparo dalle intemperie. I colli dovranno riportare le etichette di pericolo ed il numero Onu corrispondente alle merci contenute, preceduto dalla sigla “UN” (marcatura del collo). Importante non aprire i colli ed non fumare durante la movimentazione degli oggetti.

Esenzione per merce imballate in quantità limitate

È possibile trasportare un carico senza limiti di peso della merce pericolosa rispettando sempre quello massimo a pieno carico del veicolo, purché tale carico sia conforme nei formati, nei pesi delle singole confezioni o dei colli e negli imballaggi, alle specifiche prescrizioni (capitoli 3.2 e 3.4.6 dell’ADR). Sui colli contenenti merci pericolose deve essere apposto, in modo ben visibile, il segnale romboidale a sfondo bianco con le punte nere, le cui dimensioni devono essere di 100 mm x 100 m. Nel caso in cui, invece, il veicolo sia superiore alle 12 t. e la massa lorda totale dei colli superi le 8 t., si deve applicare, davanti e sul retro dell’unità di trasporto, lo stesso marchio della dimensione, però, di 250 mm x 250 mm.

Esenzione totale per merci pericolose imballate in quantità esenti

Per questo tipo di esenzione il trasporto deve avvenire nel solo rispetto delle apposite quantità per imballaggio interno e per imballaggio esterno indicate al capitolo 3.5.1.2 e delle caratteristiche degli imballaggi stessi per cui è previsto un imballaggio interno, uno intermedio in grado di contenere eventuali fuoriuscite del materiale pericoloso e un imballaggio esterno rigido e robusto. Sul collo deve essere applicato un marchio di colore rosso, di forma quadrata di almeno 100 mm x 100 mm, con all’interno una “E” cerchiata oltre al numero di etichetta di pericolo ed il nome dello speditore o destinatario qualora questo non compaia da nessuna parte sull’imballaggio. Il numero massimo di colli in tutto il veicolo non deve superare i 1000.

cartello per merci pericolose di colore rosso con la E cerchiata di rosso

Quali le novità per gli operatori del settore?

Il trasportatore

Importanti modifiche sono state applicate alla sfera delle responsabilità del trasportatore. In particolare, sono state apportate delle modifiche al paragrafo 1.4.2.2.2, nel quale si dichiara che : «il trasportatore può tuttavia, nel caso del 1.4.2.2.1(a), (b), (e) e (f), confidare sulle informazioni e sui dati che gli sono stati messi a disposizione dagli altri operatori. Nel caso del 1.4.2.2.1 (c) egli può confidare su quello che è certificato nel “certificato di riempimento del container/veicolo” fornito conformemente al 5.4.2.».

Importante specificare che, quando il trasporto su strada precede un percorso marittimo, è necessario fornire il veicolo del documento di trasporto. Ovviamente il trasportatore è in grado di confidare quanto certificato dal soggetto responsabile del carico, dal momento che quest’ultimo appone la sua firma nella sezione 20 della multimodal dangerous goods form relativa alla conformità del carico su veicolo o container.

Il consulente per la sicurezza

Ecco una delle novità più curiose del nuovo ADR 2019. Ogni azienda che spedisce merci pericolose su strada (anche lo spedizioniere) deve nominare un consulente per la sicurezza dei trasporti di merce pericolosa il quale può anche non essere dipendente dell’azienda. Egli ha il compito di prevenire ed evitare i rischi inerenti alle attività di manipolazione e trasporto di tale merci.

Tuttavia, la nomina è obbligatoria dal 31 Dicembre 2022, proprio come si legge nella norma: «Le imprese che partecipano al trasporto di merci pericolose solo come speditori e che non hanno nominato un consulente per la sicurezza sulla base delle disposizioni applicabili fino al 31 dicembre 2018 devono, in deroga alle disposizioni del 1.8.3.1 applicabili dal 1° gennaio 2019, nominare un consulente per la sicurezza entro il 31 dicembre 2022».

I segnali di pericolo

Completamente revisionato il paragrafo 5.2.2.2.2 relativo ai pannelli di pericolo. Le novità riguardano le informazioni relative al numero del modello di etichetta, la divisione o categoria, il simbolo grafico e il suo colore, lo sfondo, la cifra e il colore nell’angolo in basso, l’etichetta modello e le eventuali note sono contemplate in una tabella di riferimento per tutte le classi/divisioni dell’Adr.

Classe 1: materie e oggetti esplosivi
bomba esplodente cartello adr
  • Modello etichetta n. 1
  • Divisione o categoria: divisioni 1.1-1.2-1.3
  • Simbolo e colore del simbolo: bomba esplodente - nero
  • Sfondo: arancio
  • Cifra nell'angolo in basso e colore: 1 (nero)
  • cartello adr 1.4
  • Modello etichetta n. 1.4
  • Divisione o categoria: divisione 1.4
  • Simbolo e colore del simbolo: 1.4 -nero (i numeri devono avere un'altezza di circa 30 mm e uno spessore di circa 5 mm (per un'etichetta che misura 100 mm x 100 mm)
  • Sfondo: arancio
  • Cifra nell'angolo in basso e colore: 1 (nero)
  • cartello adr 1.5
  • Modello etichetta n. 1.5
  • Divisione o categoria: divisione 1.5
  • Simbolo e colore del simbolo: 1.5 -nero (i numeri devono avere un'altezza di circa 30 mm e uno spessore di circa 5 mm (per un'etichetta che misura 100 mm x 100 mm)
  • Sfondo: arancio
  • Cifra nell'angolo in basso e colore: 1 (nero)
  • cartello adr 1.6
  • Modello etichetta n. 1.6
  • Divisione o categoria: divisione 1.6
  • Simbolo e colore del simbolo: 1.6 -nero (i numeri devono avere un'altezza di circa 30 mm e uno spessore di circa 5 mm (per un'etichetta che misura 100 mm x 100 mm)
  • Sfondo: arancio
  • Cifra nell'angolo in basso e colore: 1 (nero)
  • Classe 2: gas
    cartello adr liquido infiammabilepannello adr 2 con fiamma bianca e sfondo rosso
  • Modello etichetta n. 2.1
  • Divisione o categoria: gas infiammabili
  • Simbolo e colore del simbolo: fiamma - nero o bianco (salvo quanto previsto al 5.2.2.2.1.6 d)
  • Sfondo: rosso
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 2 (nero o bianco)
  • pannello adr 2 sfondo verde e neropannello adr 2 sfondo verde e bianco
  • Modello etichetta n. 2.2
  • Divisione o categoria: gas infiammabili, non tossici
  • Simbolo e colore del simbolo: bombola a gas - nero o bianco
  • Sfondo: verde
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 2 (nero o bianco)
  • pannello adr gas tossici
  • Modello etichetta n. 2.3
  • Divisione o categoria: gas tossici
  • Simbolo e colore del simbolo: teschio e tibie incrociate - nero
  • Sfondo: bianco
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 2 (nero)
  • Classe 3: Liquidi infiammabili
    cartello adr liquido infiammabilepannello 3 adr con sfondo rosso e fiamma bianca
  • Modello etichetta n. 3
  • Divisione o categoria: -
  • Simbolo e colore del simbolo: fiamma - nero o bianco
  • Sfondo: rosso
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 3 (nero o bianco)
  • Classe 4.1: Materie solide infiammabili, materie autoreattive, materie soggette a polimerizzazione e materie esplosive solide desensibilizzate
    pannello adr materie solide infiammabili con strisce bianche e rosse
  • Modello etichetta n. 4.1
  • Divisione o categoria: -
  • Simbolo e colore del simbolo: fiamma - nero
  • Sfondo: bianco con sette strisce verticali rosse
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 4 (nero o bianco)
  • Classe 4.2: Materie soggette ad accensione spontanea
    pannello adr classe 4.2 - materie soggette ad accensione spontanea
  • Modello etichetta n. 4.2
  • Divisione o categoria: -
  • Simbolo e colore del simbolo: fiamma - nero
  • Sfondo: bianco per la metà superiore, rosso per la metà inferiore
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 4 (nero)
  • Classe 4.3: Materie che a contatto con l'acqua, sviluppano gas infiammabili
    pannello adr classe 4.3 sfondo blu con fiamma nerapannello adr 4 sfondo blu e fiamma bianca
  • Modello etichetta n. 4.3
  • Divisione o categoria: -
  • Simbolo e colore del simbolo: fiamma - nera o bianca
  • Sfondo: blu
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 4 (nero o bianco)
  • Classe 5.1: Materie comburenti
    pannello adr classe 5.1 sfondo giallo e fiamma nera - materie comburenti
  • Modello etichetta n. 5.1
  • Divisione o categoria: -
  • Simbolo e colore del simbolo: fiamma su un cerchio - nera
  • Sfondo: giallo
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 5.1(nero)
  • Classe 5.2: Perossidi organici
    cartello adr metà giallo e metà rosso per il trasporto di perossidi organicipannello adr classe 5.2 sfondo metà rosso e metà giallo con fiamma bianca
  • Modello etichetta n. 5.2
  • Divisione o categoria: -
  • Simbolo e colore del simbolo: fiamma - nera o bianca
  • Sfondo: rosso per la metà superiore, giallo per la metà inferiore
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 5.2 (nero)
  • Classe 6.1: Materie Tossiche
    pannello adr per materie tossiche
  • Modello etichetta n. 6.1
  • Divisione o categoria: -
  • Simbolo e colore del simbolo: Teschio e tibie incrociate - nero
  • Sfondo: bianco
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 6(nero)
  • Classe 6.2: Materie infettive
    pannello adr bianco numero 6
  • Modello etichetta n. 6.2
  • Divisione o categoria: -
  • Simbolo e colore del simbolo: Teschio e tibie incrociate - nero
  • Sfondo: bianco
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 6(nero)
  • Classe 7: Materiali radioattivi
    cartello adr materiali radioattivi categoria I
  • Modello etichetta n. 7A
  • Divisione o categoria: Categoria I - Bianca
  • Simbolo e colore del simbolo: Trifoglio - nero
  • Sfondo: bianco
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 7(nero)
  • cartello adr materiali radioattivi categoria II
  • Modello etichetta n. 7B
  • Divisione o categoria: Categoria II - Gialla
  • Simbolo e colore del simbolo: Trifoglio - nero
  • Sfondo: giallo con bordo bianco per la metà superiore, bianco per la metà inferiore
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 7(nero)
  • cartello adr materiali radioattivi categoria III
  • Modello etichetta n. 7C
  • Divisione o categoria: Categoria III - Gialla
  • Simbolo e colore del simbolo: Trifoglio - nero
  • Sfondo: giallo con bordo bianco per la metà superiore, bianco per la metà inferiore
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 7(nero)
  • Pannello adr classe 7 - Fissile
  • Modello etichetta n. 7E
  • Divisione o categoria: Materiale fissile
  • Simbolo e colore del simbolo: -
  • Sfondo: Bianco
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 7(nero)
  • Classe 8: Materie corrosive
    cartello adr materie corrosive
  • Modello etichetta n. 8
  • Divisione o categoria: -
  • Simbolo e colore del simbolo: Liquidi, versati da due provette di vetro e attaccanti una mano e un metallo - nero
  • Sfondo: bianco
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 9 sottolineato (nero)
  • Classe 9: Materie ed oggetti pericolosi diversi, comprese le materie pericolose per l'ambiente
    pannello adr classe 9 bianco e nero a strisce
  • Modello etichetta n. 9
  • Divisione o categoria: -
  • Simbolo e colore del simbolo: 7 linee verticali nella metà superiore (nero)
  • Sfondo: bianco
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 9 sottolineato (nero)
  • pannello adr classe 9 sfondo bianco con 7 linee verticali nere
  • Modello etichetta n. 9A
  • Divisione o categoria: -
  • Simbolo e colore del simbolo: 7 linee verticali nella metà superiore (nero); gruppo di batterie, una danneggiata che emette una fiamma nella metà inferiore (nero)
  • Sfondo: bianco
  • Cifra nell'angolo in basso (e colore della cifra): 9 sottolineato (nero)
  • Alcune definizioni

    Nel nuovo ADR 2019, tra le tante novità, sono state aggiunte nuove definizioni:

    • Bombola sovra-stampata: una bombola destinata al trasporto di GPL con una capacità superiore ai 13 litri ed è realizzata con l’interno in acciaio saldato rivestito da una custodia protettiva sovrastampata in materia plastica alveolare, che non è possibile rimuovere, attaccata direttamente sulla superficie esterna della parete della bombola d’acciaio;
    • Diametro: viene introdotto il concetto di diametro per i serbatoi delle cisterne, ad intendere proprio il diametro interno del serbatoio.
    • La definizione di cisterna chiusa ermeticamente è stata ulteriormente sviluppata:

    – Non è equipaggiata con valvole di sicurezza, dischi di rottura o valvole di sicurezza;

    – E’ equipaggiata con valvole di sicurezza precedute da un disco di rottura in conformità con il paragrafo 8.2.2.10, ma non deve essere equipaggiata con valvole di depressione.

    • Una cisterna, realizzata con lo scopo di trasportare materie liquide con una pressione di calcolo minima di 4 bar o in alternativa realizzata per trasporto di materie solide (polvere o granuli) indipendentemente dalla sua pressione di calcolo, è considerata chiusa ermeticamente nei seguenti casi:

    – E’ stata realizzata con valvole di sicurezza aventi un disco di rottura (conformemente al paragrafo 8.2.2.10 ) e valvole di depressione (conformemente ai requisiti posti dal paragrafo 6.8.2.2.3);

    – Non è dotata di valvole di sicurezza, dischi di rottura o altri dispositivi simili ai precedentemente citati di sicurezza, ma è dotata di valvole di depressione (in conformità ai requisiti del paragrafo 8.2.2.3).

    Come si classificano, per pericolosità, gli oggetti contenenti merci pericolose o materie corrosive?

    Nell’ADR 2019, in particolare nella sezione 2.2.8, relativamente alle materie corrosive ed alle classificazioni delle miscele, vi è un cambio di approccio relativamente alla classificazione ed alla conseguente assegnazione dei gruppi di imballaggio.

    Vi è infatti una suddivisione che, con l’introduzione della nuova norma, avviene per livelli e dipende dalla quantità di informazioni disponibili per la miscela in esame, per le miscele simili ed anche per i suoi componenti.

    Nel capitolo 2.2.8.1.6 sono stati introdotti i metodi alternativi per l’assegnazione del gruppo di imballaggio delle miscele.

    La novità riguardo il metodo di assegnazione del gruppo di imballaggio del miscele riguarda principalmente l’introduzione di un “approccio graduale”.

    Fermo restando i criteri che, sino ad ora, assegnano priorità ai dati esistenti sull’uomo o sugli animali per la classificazione delle miscele corrosive (riferimento ai dati presenti nel capitolo 2.2.8.1.5), l’introduzione dell’approccio graduale consente di classificare le miscele in classe 8 in perfetta analogia con quanto previsto dal Regolamento (CE) 1272/2008 (CLP).

    Dalla nuova norma ADR 2019 è stato rimosso il testo generico della sottosezione 1.1.3.1 (“le disposizioni dell’ADR non si applicano ai trasporti di macchinari o dispositivi non specificati nel presente Allegato e che possono contenere merci pericolose al loro interno o nei loro circuiti di funzionamento, a condizione che siano adottati provvedimenti atti a impedire ogni perdita del contenuto nelle normali condizioni di trasporto).

    L’ADR 2019 ha previsto inoltre l’inserimento di nuovi numeri ONU relativamente agli oggetti che contengono merci pericolose, la classificazione di questi è riportata nella sezione 2.1.5. All’interno di questo paragrafo è bene sottolineare che per “oggetto” si intendono macchinari, apparecchi o altri dispositivi che contengono una o più merci pericolose, o in alternativa i loro residui, nonché qualora fossero parte integrante o costituente dello stesso, che quindi non possono essere rimossi ai fini del trasporto.

    Questa sezione (2.1.5) non si applica agli oggetti per i quali esiste già una designazione ufficiale per il trasporto più specifica ed alle merci pericolose della classe 1, classe 6.2, classe 7 o al materiale radioattivo contenuto negli oggetti.

    Esistono disposizioni particolari per materie con codice cisterna a segno (+)?

    Le materie o i gruppi di materie per le quali compare il segno “(+)” dopo il codice cisterna sono sottoposte a disposizioni particolari. In questo caso l’uso alternativo delle cisterne per altre materie e gruppi di materie è autorizzato soltanto se questo è specificato nel certificato di approvazione del tipo. Le disposizioni per queste cisterne sono sono indicate nella colonna (13) della tabella A del capitolo 3.2 presenti all’interno del nuovo ADR 2019.

    Quali sono i nuovi numeri ONU inseriti nell’ADR 2019

    Nella nuova norma ADR 2019 sono stati inseriti i seguenti numeri ONU:
  • 3535 SOLIDO TOSSICO, INFIAMMABILE, INORGANICO, N.A.S
  • 3536 BATTERIE AL LITIO INSTALLATE IN UNITÀ DI TRASPORTO MERCI, batterie al litio ionico o batterie al litio metallico
  • 3537 OGGETTI CONTENENTI GAS INFIAMMABILE, N.A.S.
  • 3538 OGGETTI CONTENENTI GAS NON INFIAMMABILE, NON TOSSICO, N.A.S.
  • 3539 OGGETTI CONTENENTI GAS TOSSICO, N.A.S.
  • 3540 OGGETTI CONTENENTI LIQUIDO INFIAMMABILE, N.A.S.
  • 3541 OGGETTI CONTENENTI SOLIDO INFIAMMABILE, N.A.S.
  • 3542 OGGETTI CONTENENTI UNA MATERIA SOGGETTA AD ACCENSIONE SPONTANEA, N.A.S.
  • 3543 OGGETTI CONTENENTI UNA MATERIA CHE A CONTATTO CON L’ACQUA SVILUPPA GAS INFIAMMABILI, N.A.S.
  • 3544 OGGETTI CONTENENTI MATERIA COMBURENTE, N.A.S.
  • 3545 OGGETTI CONTENENTI PEROSSIDO ORGANICO, N.A.S.
  • 3546 OGGETTI CONTENENTI MATERIA TOSSICA, N.A.S.
  • 3547 OGGETTI CONTENENTI MATERIA CORROSIVA, N.A.S.
  • 3548 OGGETTI CONTENENTI MERCI PERICOLOSE DIVERSE, N.A.S.
  • Quali sono le novità per le pile e le batterie al litio?

    La nuova norma ADR 2019 ha previsto delle novità anche per quel che riguarda le batterie al litio e le pile, facenti parte di un settore che negli ultimi anni ha subito molte modifiche a livello normativo. La nuova disposizione speciale n.389 applicabile per UN 3536 identifica le pile al litio installate in mezzi di trasporto. Questa rubrica si applica solo alle unità di trasporto merci in cui sono installate batterie al litio che contengano sia celle di litio metallico – non ricaricabili (es. orologi e chiavi auto) sia celle di litio ionico – ricaricabili (es. per laptop e cellulari) e che sono progettate esclusivamente per fornire alimentazione esterna all’unità.  Le batterie al litio devono soddisfare le disposizioni del 2.2.9.1.7 da (a) a (g) e contenere i sistemi necessari per impedire la sovraccarica o la sovrascarica delle batterie. Mentre, la nuova disposizione speciale n.387 è applicabile al:
  • numero ONU 3090 nel caso di pile al litio metallico;
  • numero ONU 3091 nel caso di pile al litio metallico contenuto o imballate con un dispositivo.
  • Vi sono, inoltre, ulteriori novità per quel che riguarda i requisiti previsti dal capitolo 2.2.9.1.7 dell’ADR per le batterie che contengano sia pile al litio metallico che pile agli ioni di litio. Sono state, infatti, introdotte le seguenti novità:
  • le celle ricaricabili al litio ionico possono essere caricate solo dalle celle metalliche primarie;
  • le celle devono essere progettate di modo da escludere la possibilità di sovraccarica;
  • la batteria deve essere testata come una batteria al litio primaria;
  • i componenti delle celle costituenti la batteria devono aver superato il test del Manual of Test and Criteria, parte III, sezione 38.3.
  • Come vanno imballate le pile e le batterie al litio?

    Sono state inserite anche istruzioni di imballaggio per quel che riguarda le batterie:
  • P911, si applica alle batteria considerate danneggiate o difettose dei numeri 3090, 3091, 3480 e 3481 che in normali condizioni di trasporto possono essere suscettibili di una rapida frammentazione, di reagire pericolosamente, nonché di produrre fiamme o pericolose emissioni di calore, emanare gas, vapori tossici, corrosivi o infiammabili;
  • LP905, si applica alla serie di produzione dei numeri 3090, 3091, 3480 e 3481 che si compongono al massimo di 100 elementi e batterie prototipi di pre-produzioni, quindi prototipi trasportati allo scopo di essere provati;
  • LP906, si applica a batterie danneggiate o difettose dei numeri 3090, 3091, 3480 e 3481 che nel caso di normali condizioni di trasporto possono essere suscettibili di una rapida infiammazione, produrre fiamme o calore, emettere gas o vapori tossici, corrosivi o infiammabili.
  • Conclusioni

    Dunque, l’ADR 2019 è entrato in vigore dal 1° Gennaio 2019 ma le sue norme diventeranno effettive solo dal 1° Luglio 2019. Per nominare, invece, il consulente, si avrà tempo fino al 2022. La nuova norma focalizza le sue novità su:
  • Le esenzioni;
  • Le responsabilità del trasportatore;
  • Il consulente per la sicurezza;
  • I segnali di pericolo;
  • Alcune definizioni;
  • La classificazione degli oggetti contenenti merci pericolose;
  • Disposizioni particolari per materie con codice cisterna “(+)”
  • I nuovi numeri ONU;
  • L’imballaggio di pile e batterie.
  • Lascia un commento se hai dubbi, domande o vuoi precisazioni riguardo il nuovo ADR 2019. Il nostro staff sarà lieto di risponderti.

    Vuoi rimanere sempre informato con le ultime novità provenienti dal mondo del trasporto e della tecnologia?

    Iscriti alla newsletter di CargUp
    e resta sempre sul pezzo.

    Il patentino ADR

    Il patentino ADR

    Tempo di lettura: 8 minuti Il patentino ADR Il patentino ADR è un certificato di formazione professionale (CFP), con validità quinquennale. È obbligatorio per i conducenti di veicoli che effettuano…

    Vuoi salire anche tu a bordo di CargUp?

    Mittente

    Avrai pieno controllo delle informazioni e potrai garantire un ottimo servizio ai tuoi clienti finali. Tutto in totale autonomia.

    Spedizioniere

    Potrai fidelizzare i tuoi clienti e acquisirne dei nuovi grazie al valore aggiunto che sarai in grado di offrire nella gestione delle spedizioni.

    Trasportatore

    Sarai in grado di controllare la tua flotta, mostrare il tracciamento ai tuoi clienti e garantire una comunicazione tempestiva a tutti i soggetti coinvolti.