Come funziona il tachigrafo intelligente e cosa rischi

Il 15 giugno scatta l’obbligo del tachigrafo intelligente. Ti sei già messo a norma? Abbiamo scritto questa guida per risolvere tutti i tuoi dubbi.
tachigrafo intelligente foto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Tempo di lettura: 4 minuti

Il tachigrafo intelligente sarà obbligatorio a partire dal 15 giugno 2019.

L’introduzione era prevista per marzo 2019, ma è slittata a giugno. Inizialmente saranno interessati solo i veicoli immatricolati a partire dal 15 giugno.

Per gli altri veicoli, invece, l’installazione deve avvenire entro il 15 giugno 2031.

Il principale scopo di questo nuovo strumento è la possibilità di registrare la posizione del veicolo durante il periodo di lavoro.

Tra poco vedremo più nel dettaglio il funzionamento. Per ora ti basta sapere che l’obbligo non riguarda tutti i tipi di veicoli.

Quali sono quelli su cui va adottato obbligatoriamente?

Il nuovo cronotachigrafo deve essere installato su autocarri di peso complessivo superiore a 3,5 tonnellate e veicoli adibiti al trasporto di più di 9 persone (incluso il conducente).

Non va invece installato su:

—  veicoli adibiti al trasporto di linea per percorsi inferiori a 50 km
—  mezzi delle forze dell’ordine
—  cisterne da latte
—  veicoli di nettezza urbana
—  veicoli speciali

Ricapitolando, i veicoli di nuova immatricolazione hanno l’obbligo del tachigrafo intelligente.

Il cronotachigrafo analogico o digitale può essere utilizzato altrimenti fino alla fine del proprio ciclo di vita per i trasporti interni. Per i trasporti internazionali, invece, bisogna adeguarsi alla nuova normativa entro il 2031.

Detto ciò, in questo post vedremo:

—  Quali sono le sanzioni previste per la violazione della normativa riguardo il tachigrafo intelligente
—  In cosa consistono le funzioni del nuovo cronotachigrafo

Sanzioni tachigrafo digitale intelligente: il quadro completo

Il Regolamento (UE) n. 165/2014, relativo ai tachigrafi nel settore dei trasporti su strada, stabilisce che:

“Qualora, a seguito di un controllo, i funzionari di controllo raccolgano prove sufficienti a sostegno di un legittimo sospetto di frode, essi hanno la facoltà di accompagnare il veicolo da un’officina autorizzata per eseguire ulteriori prove, e quindi verificare, in particolare, che il tachigrafo:

a) funzioni correttamente;

b) registri e memorizzi correttamente i dati e che i parametri di calibratura siano corretti”

Le sanzioni, in caso di violazioni, sono stabilite dai singoli Stati.

Ecco un quadro chiaro e completo delle sanzioni previste relativo al tachigrafo digitale:

Funzionamento cronotachigrafo intelligente: 4 nuove funzioni da conoscere

Le nuove funzioni del tachigrafo intelligente servono per migliorarne l’utilizzo, evitare manomissioni e rendere i controlli più efficienti.

Ecco perché è bene conoscerle prima che l’obbligo entri in vigore.

In particolare parliamo del tachigrafo digitale intelligente DTCO 4.0 , prodotto da Continental, pensato per rispettare la nuova legge.

Sei attento? Continua pure a leggere.

Geolocalizzazione

I nuovi tachigrafi intelligenti funzionano grazie a un sistema di posizionamento garantito dal sistema globale di navigazione (GNSS).

A cosa serve?

Molto semplicemente rende più semplici alcuni controlli. In pratica, si tratta di una sorta di scatola nera che registra i movimenti del veicolo.

Per esempio, permette di registrare l’orario in cui si inizia a lavorare e quello in cui si finisce.

Ogni 3 ore di movimento, inoltre, viene registrata la posizione.

Il tachigrafo intelligente deve permettere la geolocalizzazione del veicolo tramite sistemi come Galileo, il sistema di geolocalizzazione europeo, ed Egnos.

La tecnologia aiuterà anche a evitare le manomissioni più diffuse al giorno d’oggi.

Il sensore di movimento continuerà a essere la principale fonte per il rilevamento di velocità e distanza.

Questi valori tuttavia saranno confrontati con quelli registrati dal ricevitore satellitare – il che rende la falsificazione dei dati più complicata.

La Polizia, inoltre, sarà dotata di appositi apparecchi per controllare eventuali anomalie.

Un altro vantaggio per le aziende, inoltre, è rappresentato dalla possibilità di usare questi dati per la gestione delle flotta.

Trasmissione in remoto

L’interfaccia DSRC (Dedicated Short Range Communication) permette il trasferimento in wireless di un set di dati dal veicolo in movimento al dispositivo di controllo della Polizia.

Ciò ovviamente avviene dopo un’autenticazione.

Non verranno condivisi dati personali del conducente e non saranno effettuate sanzioni in modo automatico.

I dati trasmessi riguarderanno informazioni relative a:

—  calibrazione e stato del veicolo
— 
condizioni di sicurezza
—  possibili malfunzionamenti e/o manomissioni del dispositivo

L’obiettivo è permettere agli organi di Polizia di effettuare una prima analisi per individuare i veicoli maggiormente sospetti.

In altre parole, chi opera secondo legge avrà meno possibilità di essere fermato.

Nuove funzioni per l’autista

L’interfaccia ITS (Intelligent Transportation Systems) consente di accedere a oltre 70 informazioni fornite dal tachigrafo digitale.

Quando il conducente è in possesso di un tablet o di uno smartphone potrà collegarsi direttamente al tachigrafo tramite connessione bluetooth.

Cosa significa? Sarà semplicissimo ottenere i dati relativi a:

—  guida
—  riposo
—  lavoro

Tutto comodamente sul proprio cellulare o tablet. Ciò significa che la pianificazione dei viaggi sarà molto più facile.

E non è tutto.

Sempre dal telefonino o dal tablet sarà possibile controllare il tachigrafo intelligente.

Vuoi un esempio?

Si potranno inserire i dati con la tastiera dello smartphone, risparmiando tempo ed errori.

Nuova carta del conducente

Saranno sistemi di criptaggio più aggiornati a gestire il trasferimento dei dati dal cronotachigrafo alla carta del conducente.

Queste nuove tecniche di criptaggio dei dati richiedono il cambio della card.

Le nuove carte del conducente, in ogni caso, saranno utilizzabili anche con dispositivi di generazione precedente.

Conclusione

Siamo alla fine.

Se hai autocarri di peso complessivo superiore a 3,5 tonnellate o veicoli adibiti al trasporto di più di 9 persone (incluso il conducente), entro il 15 giugno devi installare il nuovo cronotachigrafo.

Ciò vale per i veicoli immatricolati a partire da questa data.

Come detto sopra, tuttavia, la normativa non vale per:

—  veicoli adibiti al trasporto di linea per percorsi inferiori a 50 km
—  mezzi delle forze dell’ordine
—  cisterne da latte
—  veicoli di nettezza urbana
—  veicoli speciali

L’installazione del dispositivo, oltre a essere obbligatoria, come abbiamo visto è anche utile per le aziende.

Riduce i tempi di pianificazione del viaggio e quelli di controllo da parte degli organi di Polizia.

Il sistema di trasmissione remota dei dati, infatti, permette loro di identificare i veicoli più sospetti in maniera efficace.

Ecco perché, se non l’hai ancora fatto, ti invitiamo a metterti in regola.

Tutto chiaro?

Lascia un commento se hai dubbi, domande o vuoi precisazioni riguardo il tachigrafo intelligente. Il nostro staff sarà lieto di risponderti.

Non sei ancora registrato su CargUp? Clicca qui e scopri tutti i vantaggi.

Vuoi rimanere sempre informato con le ultime novità provenienti dal mondo del trasporto e della tecnologia?

Iscriti alla newsletter di CargUp
e resta sempre sul pezzo.

Il patentino ADR

Il patentino ADR

Tempo di lettura: 4 minuti Il patentino ADR Il patentino ADR è un certificato di formazione professionale (CFP), con validità quinquennale. È obbligatorio per i conducenti di veicoli che effettuano…

Vuoi salire anche tu a bordo di CargUp?

Mittente

Avrai pieno controllo delle informazioni e potrai garantire un ottimo servizio ai tuoi clienti finali. Tutto in totale autonomia.

Spedizioniere

Potrai fidelizzare i tuoi clienti e acquisirne dei nuovi grazie al valore aggiunto che sarai in grado di offrire nella gestione delle spedizioni.

Trasportatore

Sarai in grado di controllare la tua flotta, mostrare il tracciamento ai tuoi clienti e garantire una comunicazione tempestiva a tutti i soggetti coinvolti.