Novità 2019 sulla Carta Qualificazione Conducente (CQC)

Dal 20 novembre 2019 cambiano le regole per i quiz CQC, il rinnovo e come conseguire la patente cqc per il trasporto merci. Vediamo insieme le novità.
patente di guida c -d -be-ce -de per il trasporto di merce con cqc
Share on facebook
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Tempo di lettura: 4 minuti
La carta di qualificazione del conducente, abbreviato CQC, è indispensabile per chi svolge attività legate all’autotrasporto o al trasporto di persone al di sopra di nove passeggeri. Con il decreto del 5 luglio 2019, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha modificato la normativa cqc esistente e ha introdotto nuove regole per il rinnovo, i quiz e per il conseguimento della patente cqc.

CQC Quiz – Cosa cambia?

La modalità di esame è stata snellita e soprattutto informatizzata. Infatti, adesso, le domande alle quali il candidato deve rispondere sono tratte, in modo casuale, da un database predisposto dalla Direzione generale  per la motorizzazione del Ministero. L’esame cqc sarà formato da 70 domande di cui 40 inerenti la parte generale e 30 inerenti la parte speciale. Bisogna barrare la lettera “V” o  “F” a seconda della risposta vera o falsa, in un tempo massimo di 90 minuti. Il quiz si intende superato se il numero di risposte errate è massimo sette. Qui di seguito, alcuni casi particolari inerenti la CQC:
  • Chi è già titolare di carta di qualificazione; del conducente per il trasporto di cose e vuole conseguire anche la qualificazione per il trasporto di persone, sostiene un esame formato da trenta quesiti,            barrando sempre la risposta Vero o Falso entro quaranta minuti. La prova si intende superata se il numero di risposte errate è, al massimo, di tre.
  • Chi è già in possesso dell’attestato di  idoneità professionale per l’accesso  alla professione  di autotrasportatore e vuole conseguire la qualificazione relativa a tale settore, sosterrà un esame formato da 40 domande relative alla parte generale barrando sempre la lettera “V” o  “F”, in un tempo di cinquanta minuti. La prova si intende superata se il numero di risposte errate è, al massimo, di quattro.
  • Chi è già in possesso dell’attestato di  idoneità professionale per l’accesso  alla professione  di autotrasportatore e ha frequentato un corso potrà ottenere la carta di qualificazione del conducente della stessa tipologia  del corso frequentato previa esibizione dell’attestato di frequenza  presso l’ufficio di Motorizzazione.
  • Chi ha già sostenuto l’esame sulla parte comune prima di questa nuova normativa potrà ottenere la CQC rispondendo a 30 quesiti sulla parta specifica.
  • L’esame cqc si svolge presso gli uffici di Motorizzazione  civile, sulla base delle procedure stabilite dal Ministero delle infrastrutture e dei  trasporti e con funzionari abilitati. La richiesta di iscrizione all’esame deve essere presentata dal candidato entro dodici mesi  dell’attestato di  frequenza del corso seguito. Nel caso di esito positivo dell’esame:
  • se sei già titolare  della patente di guida presupposta dalla carta di qualificazione del conducente  conseguita, ti verrà rilasciato un duplicato della patente sulla quale, in corrispondenza  della categoria, viene annotato il codice unionale “95” seguito dalla indicazione di giorno, mese  ed anno di scadenza cqc;
  • se non sei ancora titolare della patente di guida ma hai l’autorizzazione a esercitarsi per il conseguimento di una patente di categoria C, CE, D o DE, la cqc ti verrà rilasciata, previo assolvimento dell’imposta  di bollo, un CAP comprovante il conseguimento della carta di qualificazione del conducente.
  • Il CAP, come spiega il decreto stesso, deve  essere esibito all’ufficio Motorizzazione civile all’atto della  prenotazione della prova  di verifica per  il conseguimento della  patente di guida. Solo dopo aver ottenuto la patente  sarà annotato il codice unionale “95”  seguito sempre dalla indicazione di giorno, mese ed anno di  scadenza di validità della qualificazione CQC. Nel caso di esito negativo, invece, non puoi sostenere una nuova prova  prima  che siano trascorsi almeno trenta giorni dalla data di quella precedente.

    Patentino ADR:

    come puoi ottenerlo?

    Learn more

    Rinnovo e costi CQC

    Il rinnovo cqc avviene ogni 5 anni presso una qualsiasi autoscuola. Bisogna semplicemente seguire un corso di 35 ore e al termine ti consegnano un attestato di frequenza. Non ci sono esami finali da sostenere. I costi variano in base alle tariffe applicate dagli enti abilitati, ma di solito non superano i 250€. È possibile iniziare a seguire il corso per il rinnovo cqc con 18 mesi di anticipo al massimo dalla data di scadenza della CQC stessa. Per quanto riguarda il rinnovo cqc scaduto la situazione non cambia molto, ossia bisogna frequentare sempre il corso di 35 ore a meno che non sia scaduto da due anni. Se la CQC è scaduta da due anni, allora, sarà necessario sostenere il corso di formazione e anche l’esame finale. Ovviamente i costi saranno superiori rispetto al semplice rinnovo.

    Chi è esente dall’obbligo CQC?

    La carta di qualificazione del conducente non è obbligatoria per chi guida:
  • mezzi che non superano i 45 km/h
  • veicoli ad uso delle forze armate, pompieri, protezione civile
  • mezzi utilizzati per prove su strada, in manutenzione o comunque non ancora immessi in circolazione
  • mezzi utilizzati per operazioni di emergenza o salvataggio
  • veicoli adibiti per lezioni di guida
  • mezzi per il trasporto di cose o persone utilizzati per scopi privati e non commerciali (salvo il conducente sia assunto da un’impresa con la qualifica di autista)
  • Inoltre, il rilascio della carta di qualificazione del conducente non può avvenire qualora si esibisca una patente C, C+E, D e D+E scaduta. Se hai bisogno di esercitarti con una simulazione dell’esame CQC puoi consultare questo sito web e scegliere tra quiz per il trasporto merce o per il trasporto di persone.

    Cos’è e a chi serve la CQC?

    La carta di qualificazione del conducente è un titolo abilitante (non una patente come tutti pensano) il cui possesso è obbligatorio per la guida professionale. Infatti, si va ad aggiungere alla patente di guida di categoria C, D, CE, DE. Tutti i conducenti che trasportano merci o persone su strada devono necessariamente averla. Infatti, l’obbligo scatta per chi guida veicoli superiori a 3,5 t (cqc merce) e per gli autisti che guidano mezzi da nove persone in su, compreso il conducente (cqc persone).

    Conclusioni

    Il 20 novembre 2019 è ufficialmente cambiata la normativa CQC. Le novità riguardano soprattutto le modalità di esame, infatti:
  • sono previste 70 domande in 90 minuti con massimo 7 errori
  • il sistema è stato informatizzato e i quesiti vengono estratti in modo casuale
  • ci sono casi particolare nel caso volessi conseguire sia la cqc trasporto merci che trasporto persone
  • rinnovo cqc ogni 5 anni con costi che si aggirano attorno ai 200/250€
  • se la cqc è scaduta da due anni sarà necessario seguire il corso e fare l’esame finale
  • Inoltre, abbiamo approfondito su cos’è effettivamente la carta di qualificazione del conducente, a chi serve e chi è esente dall’obbligo di possesso.

    Vuoi rimanere sempre informato con le ultime novità provenienti dal mondo del trasporto e della tecnologia?

    Iscriti alla newsletter di CargUp
    e resta sempre sul pezzo.

    Come diventare camionista: guida alla professione

    Come diventare camionista: guida alla professione

    Tempo di lettura: 6 minuti Nella prima parte dell’articolo, cercheremo di far luce su tutti gli aspetti che riguardano la professione del camionista, dalle mansioni alla formazione professionale, per poi…

    Vuoi salire anche tu a bordo di CargUp?

    Senders

    Avrai pieno controllo delle informazioni e potrai garantire un ottimo servizio ai tuoi clienti finali. Tutto in totale autonomia.

    Freight forwarders

    Potrai fidelizzare i tuoi clienti e acquisirne dei nuovi grazie al valore aggiunto che sarai in grado di offrire nella gestione delle spedizioni.

    Carriers

    Sarai in grado di controllare la tua flotta, mostrare il tracciamento ai tuoi clienti e garantire una comunicazione tempestiva a tutti i soggetti coinvolti.