Tempo di lettura: 4 minuti

Il conducente di un veicolo adibito al trasporto di merci pericolose deve possedere importanti documentazioni al fine di uno spostamento sicuro e legale. Facciamo insieme il punto della situazione. 

La carta di circolazione del veicolo

È un documento obbligatorio per la circolazione su strada pubblica di auto, moto e rimorchi. La carta di circolazione è una sorta di carta d’identità del veicolo, che ne attesta l’idoneità alla circolazione. Nelle quattro pagine di cui è composta sono riportate moltissime informazioni, come le emissioni inquinanti, i consumi dichiarati, gli pneumatici omologati, più una serie di codici identificativi delle caratteristiche del mezzo. La carta di circolazione viene rilasciata dalla Motorizzazione Civile, al momento dell’immatricolazione di un veicolo nuovo oppure viene aggiornata nel caso di un passaggio di proprietà attraverso il rilascio di un tagliando adesivo che dovrà essere collocato sul retro del libretto.

Certificato speciale di approvazione ADR del veicolo

Viene comunemente definito il “barrato rosa”. Vale un anno a partire dalla data del primo rilascio e/o dal rinnovo annuale.

Tale certificato è necessario per i veicoli completi (autocarri, trattori stradali, rimorchi o semirimorchi) impiegati nel trasporto di merci pericolose classificate ADR con carrozzerie: scarrabili, casse mobili, cisterne classificate FL, AT e OX e carrozzerie furgonate classificate EX/II e EX/III.

Il certificato d’approvazione è previsto anche per veicoli trainanti rimorchi e semirimorchi, i comuni trattori stradali.

Il Barrato Rosa per trasporti internazionali è obbligatorio anche per i veicoli classificati FL, OX, AT, EX/II e EX/III.

Per i veicoli cisterne, che trasportano in ambito nazionale, merci pericolose ADR, con esclusione della classe 2, è concessa la circolazione degli stessi veicoli senza il rilascio del “barrato rosa”.

Il barrato rosa non è rilasciato per allestimenti scarrabili con cassoni anche se in ADR, salvo se l’attrezzatura scarrabile è una cisterna per merci pericolose oppure trasportano esplosivo e/o radioattivo.

Licenza di pubblica sicurezza per il trasporto di gas tossici

Per l’impiego di gas tossici, ovvero l’utilizzo, la custodia e la conservazione degli stessi, è necessario possedere l’ autorizzazione rilasciata dall’ATS (ex ASL). 

L’uso di gas tossici richiede il possesso di una apposita patente di abilitazione. Il suo rilascio è successivo al conseguimento di un certificato di idoneità che prevede il superamento di un esame. La patente ha una validità di cinque anni e alla scadenza occorre chiedere il rinnovo.

La documentazione necessaria alla presentazione dell’istanza consta di un modulo di domanda per il rilascio del certificato di acquisto per utilizzo di gas tossici e di un allegato riguardante il pagamento dell’imposta di bollo necessaria.

Documento di trasporto

D.D.T., il documento di trasporto, deve obbligatoriamente contenere una serie di informazioni per ogni materia pericolosa, ovvero:

  1. a) il numero ONU preceduto dalle lettere “UN”;
  2. b) la designazione ufficiale di trasporto eventualmente completata dal nome tecnico, questo deve essere un nome chimico Per ogni tipologia di classe di materie pericolose dovranno essere riportate sul D.D.T. le seguenti prescrizioni: 
  • per le materie e oggetti della classe 1 (materie e oggetti esplosivi) è obbligatorio riportare il codice di classificazione della lista delle merci pericolose;
  • per i materiali radioattivi della classe 7 ci sono particolari informazioni che lo speditore deve fare figurare nel documento di trasporto. 
  1. c) calcolo e stampa coefficiente ADR 1136;
  2. d) massa attiva totale per tipologia materiale;
  3. e) restrizioni per Gallerie;
  4. f) massa attiva unitaria per prodotto;
  5. g) massa attiva totale trasportata;
  6. h) i modelli di etichetta che sono riportati nella colonna 5 della tabella A del cap. 3.2 dell’ADR;
  7. i) il numero e la descrizione dei colli;
  8. j) nome e indirizzo del mittente;
  9. k) nome e indirizzo del destinatario.

Facciamo alcuni esempi utili alla comprensione della compilazione:

  • UN 1230 METANOLO, 3(6.1), II
  • UN 1266, PRODOTTO PER PROFUMERIA Prescrizione speciale 640A, 3, I
  • UN 1992 LIQUIDO INFIAMMABILE, TOSSICO N.A.S (………), 3(6.1), III

Nel caso del trasporto internazionale il documento di trasporto deve essere redatto, oltre che nella lingua del paese che spedisce, in una delle lingue ufficiali dell’ADR, cioè inglese, francese o tedesco (per es. italiano e inglese).

Per quanto riguarda la forma l’ADR si limita a dire che “le informazioni richieste nel documento di trasporto devono essere ben leggibili”.

Trem Card (Consegne Scritte di Sicurezza)

Ogni conducente deve possedere le istruzioni di sicurezza, poste in cabina e consegnate al personale di bordo prima della partenza, redatte in più lingue per facilitare la comprensione da parte dell’equipaggio. Lo stesso trasportatore ha l’obbligo, in caso di emergenza o incidente, di far applicare le norme a tutto il personale di bordo.

Le trem card sono redatte nel formato di quattro pagine e prevedono misure comuni ed indicazioni extra in relazione al prodotto trasportato.

Le trem card non hanno subito alcuna modifica o aggiornamento con l’introduzione del nuovo ADR 2019, quindi le istruzioni scritte che erano valide nel precedente ADR 2017 restano valide anche nel nuovo ADR.

E’ possibile scaricare gratuitamente le nuove trem card in Italiano direttamente da questo link.

Conclusioni

Facciamo, quindi, un breve riepilogo della documentazione necessaria al trasporto di merce pericolosa in regime ADR:

  • carta di circolazione del veicolo;
  • certificato speciale di approvazione ADR del veicolo, c.d. “barrato rosa”;
  • licenza di pubblica sicurezza per il trasporto di gas tossici;
  • documento di trasporto;
  • consegne scritte di sicurezza (o trem card).

Lascia un commento se hai dubbi, domande o vuoi precisazioni riguardo la documentazione ADR. Il nostro staff sarà lieto di risponderti.

CargUp è la piattaforma digitale che ottimizza l’intero flusso di spedizione merci dal luogo di origine a quello di destino, consentendo un notevole risparmio di tempo ed energie.

Hai un’azienda e hai bisogno di spedire le tue merci?
Clicca qui

Sei uno spedizioniere e gestisci molte spedizioni?
Clicca qui 

Sei un’azienda di trasporto o un padroncino?
Clicca qui